News

Un imprevisto finale impedisce alla GDL Racing di centrare la vittoria di classe nella 24H di Spa-Francorchamps

Un imprevisto finale impedisce alla GDL Racing di centrare la vittoria di classe nella 24H di Spa-Francorchamps

La GDL Racing è stata protagonista indiscussa della 24 Ore di Spa-Francorchamps che si è disputata nel fine settimana appena conclusosi. Un’edizione elettrizzante, quella della endurance belga per la squadra di Gianluca De Lorenzi, vicinissima ad andare al colpaccio nel Group National, in cui ha condotto praticamente per tutta la durata della gara, salvo poi fermarsi ad un paio di ore dalla bandiera a scacchi.

Ad alternarsi al volante della Lamborghini Huracán Super Trofeo (non in versione Evo, come previsto dal regolamento) schierata al via, sono stati la giovane Sara Bovy, che sulla sua pista di casa era particolarmente sostenuta dal pubblico, l’italiano Beniamino Caccia, l’argentino Andrés Josephsohn e l’indonesiano Andrew Haryanto.

Pur in una gara difficile, con un BoP molto penalizzante alla “Super Trofeo” della Casa di Sant’Agata Bolognese (70 kg in più rispetto allo standard della vettura, come prescritto per le gare di SRO), l’equipaggio della GDL Racing si è portato immediatamente in testa nella propria classe ed ha abilmente condotto in tutte le varie fasi della gara, superando brillantemente il momento più critico della notte (condizionato da numerosi incidenti).

Solo quando la vittoria era realmente a portata di mano, un problema ad una ruota è stato la causa del definitivo ritiro. Un ritiro che non ha tolto in ogni caso il giusto merito a tutti e quattro i piloti, sempre velocissimi ed esenti da errori di sorta, i quali hanno saputo gestire al meglio una gara così complessa e difficile.

A fare la propria parte sono stati anche gli uomini della GDL Racing, forti dell’esperienza ormai pluriennale maturata nelle competizioni di durata. Il prossimo impegno in endurance per la squadra di De Lorenzi sarà sempre a Spa, nella 12 Ore della Creventic che si disputerà il 13 e 14 ottobre e a cui prenderà parte con una Audi TCR. Poi seguiranno quello della 12 Ore di Abu Dhabi (15 dicembre) e la 24 Ore di Dubai (12 gennaio).

Share Button